Questo sito impiega cookie come descritto nella informativa. Continuando la navigazione si esprime consenso a tale impiego

Zoom testo
top_12 top_01 top_02 top_03 top_04 top_05 top_06 top_07 top_08 top_09 top_10 top_11

tourist info

A GRADO TORNANO LE VICINE TUTTOFARE.
IL SERVIZIO DI PORTIERATO GRATUITO RIPRENDE DOPO LA PAUSA FORZATA

 

Dopo la pausa forzata che il servizio ha subito a causa dell’emergenza Covid19, dal 15 luglio riprende il progetto “Vicine tuttofare”, dedicato alle donne e alle famiglie di Grado.

Si tratta di un servizio di conciliazione innovativo e completamente gratuito, dedicato alle donne locali che possono avere difficoltà a far quadrare impegni di lavoro e famiglia e a trovare il tempo per fare tutto.

Sappiamo bene che il tema della conciliazione dei tempi è particolarmente critico nei territori ad alta stagionalità come quelli a vocazione balneare, e il Comune di Grado non intende lasciare sole le famiglie. 

Con il progetto “Vicine tuttofare” vengono messi a disposizione delle donne e delle famiglie locali pacchetti gratuiti di 15 ore, eventualmente rinnovabili, per usufruire di questi servizi.

Si possono richiedere ore di baby sitting, aiuto compiti, pulizie, giardinaggio, dog sitting, disbrigo pratiche e molto altro. Il servizio, erogato in collaborazione con l’Associazione Fantasticamente, è svolto da donne disoccupate, che vengono assunte come operatrici del progetto.

Per  prenotare il servizio è sufficiente farne richiesta mandando una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. (Associazione Fantasticamente) che fornirà il modulo di iscrizione e darà avvio al servizio.

Dichiara l’assessora alle pari opportunità e famiglia Federica Lauto: “Siamo felici di veder ripartire questo servizio che, fermatosi per forza di cose durante il lockdown, ora riprende per dare una grossa mano alle donne che lavorano, a quelle che un lavoro non ce l’hanno, e alle loro famiglie e ai loro bambini. Questo progetto sta crescendo assieme alle cittadine ed è il segno che lavorare in rete funziona e ci fa sentire meno soli”.