Questo sito impiega cookie come descritto nella informativa. Continuando la navigazione si esprime consenso a tale impiego

top_12 top_01 top_02 top_03 top_04 top_05 top_06 top_07 top_08 top_09 top_10 top_11

tourist info

Norme iscrizioni-cancellazioni anagrafiche

Dal 9 maggio 2012 cambiano le norme che regolano le iscrizioni e cancellazioni anagrafiche. I cittadini potranno presentare le dichiarazioni anagrafiche di residenza, di trasferimento all'estero e di variazione di indirizzo,  senza necessariamente recarsi allo sportello del comune, ma spedendole per posta a mezzo raccomandata oppure inviandole via fax o telematicamente.

Quest' ultima possibilità è consentita ad una delle seguenti condizioni:

a) che la dichiarazione sia sottoscritta con firma digitale;

b) che l'autore sia identificato dal sistema informatico con l'uso della Carta d'identità

elettronica, della carta nazionale dei servizi, o comunque con strumenti che consentano

l'individuazione del soggetto che effettua la dichiarazione;

c) che la dichiarazione sia trasmessa attraverso la casella di posta elettronica certificata del

dichiarante;

d) che la copia della dichiarazione recante la firma autografa e la copia del documento

d'identità del dichiarante siano acquisite mediante scanner e trasmesse tramite posta

elettronica semplice.

Ai sensi dell’art.5, c.3 del d.l. n.5/2012, l’Ufficiale d’Anagrafe, nei due giorni lavorativi successivi alla presentazione delle dichiarazioni di cui sopra, effettua le registrazioni delle dichiarazioni ricevute, fermo restando che gli effetti giuridici delle stesse decorrono dalla data di presentazione.

L’ufficio avrà comunque 45 giorni di tempo per accertare la sussistenza dei requisiti previsti per l'iscrizione, cancellazione o variazione di indirizzo decorsi i quali se non intervengono comunicazioni da parte dell’ufficiale d’anagrafe, verrà applicato il silenzio- assenso di cui all’art.20 della legge n.241/90 per  cui la dichiarazione si intende confermata.  In caso di dichiarazioni non corrispondenti al vero verranno applicati gli articoli 75 e 76 del D.P.R. n. 445/2000, i quali dispongono rispettivamente la decadenza dai benefici acquisiti per effetto della dichiarazione, nonché il rilievo penale della dichiarazione mendace.

Inoltrare le dichiarazioni a:

Comune di Grado
Ufficio Anagrafe
Piazza B. Marin n.4
34073 GRADO

FAX: 0431-898202

posta elettronica certificata: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

posta elettronica: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Abusivismo e residenza anagrafica: D.L. 28 marzo 2014, n. 47 art. 5

Il decreto legge 28 marzo 2014, n. 47, convertito nella legge 23 maggio 2014 n.80, all' art. 5 prevede che: "chiunque occupa abusivamente un immobile senza titolo non può richiedere la residenza, nè l'allacciamento a pubblici servizi in relazione all'immobile medesimo e gli atti emessi in violazione di tale divieto sono nulli a tutti gli effetti di legge"
Rilevato l'incidenza della norma sulla disciplina anagrafica ed in particolare sul procedimento di iscrizione anagrafica, il Ministero dell'Interno con Circ. 14/2014 della Direzione Centrale dei Servizi Demografici stabilisce che, in sede di dichiarazione anagrafica, debbano essere acquisite le informazioni relative al titolo di occupazione dell'immobile (proprietà, locazione od altro). Il nuovo modulo da utilizzare è il seguente: