Questo sito impiega cookie come descritto nella informativa. Continuando la navigazione si esprime consenso a tale impiego

top_12 top_01 top_02 top_03 top_04 top_05 top_06 top_07 top_08 top_09 top_10 top_11

tourist info

In primo piano

SCHEDA INFORMATIVA PROCEDIMENTO 

OGGETTO DEL PROCEDIMENTO

SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE – TRASFORMAZIONE DA ANNUALE IN STAGIONALE E VICEVERSA

DESCRIZIONE SOMMARIA DEL PROCEDIMENTO

Variazione periodo apertura esercizio per somministrazione al pubblico di alimenti e bevande da stagionale in annuale o viceversa

Periodo di apertura stagionale dal I aprile o domenica precedente la Pasqua, quando tale giornata venga a cadere prima di tale data, fino al 31 ottobre con le modalità previstedall’ordinanza n. 26-43/08 del 19 marzo 2008

Per gli esercizi a carattere annuale è previsto un periodo obbligatorio di apertura di almeno 9 mesi nel corso dell'anno solare. E' consentita la chiusura dell'esercizio per l'effettuazione dell'inventario e per ferie annuali per un periodo complessivo massimo di tre mesi e per comprovati impedimenti d'esercizio per inagibilità locali, malattia o lutto (art. 10 delle condizioni per il rilascio delle autorizzazioni degli esercizi di somministrazione al pubblico di alimenti e bevande).

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

Legge regionale 5 dicembre 2005, n. 29

Decreto legislativo 26 marzo 2010, n.59

Legge 7 agosto 1990, n.241 s.m.i.

REQUISITI

Possesso requisiti morali e professionali ai sensi degli artt. 6 e 7 della L.R. 29/05 e dell’articolo 71 del decreto legislativo 59/2010: e artt. 11 e 92 del T.U.L.P.S.

N.B.:   Ai sensi del comma 5 dell’articolo 71 del decreto legislativo 59/2010, in caso di società, associazioni od organismi collettivi i requisiti morali devono essere posseduti dal legale rappresentante, da altra persona preposta all'attività commerciale e da tutti i soggetti individuati dall’articolo 2, comma 3, del DPR 252/1998, ora articolo 85 del decreto legislativo 159/2011. In caso di impresa individuale i requisiti di cui ai commi 1 e 2 devono essere posseduti dal titolare e dall'eventuale altra persona preposta all'attività commerciale.

Disponibilità dei locali nei quali si esercita l’attività

Conformità dei locali rispetto alle norme edilizie, urbanistiche e igienico-sanitarie, nonché alle disposizioni relative alla prevenzione incendi, a quelle in materia di pubblica sicurezza dei locali, quelle relative alla tutela dall’inquinamento acustico e di sicurezza nei luoghi di lavoro

MODALITÀ DI AVVIO

apertura immediata dopo la ricezione da parte del Comune della segnalazione certificata di inizio attività

TERMINI DEL PROCEDIMENTO

Entro 10 giorni dal ricevimento della comunicazione il Comune provvederà a modificare l’autorizzazione/attestazione/presa d’atto già rilasciata.

SERVIZIO COMPETENTE

SERVIZIO ATTIVITÀ ECONOMICHE

Sede:  piazza Biagio Marin n.4 – piano rialzato- stanze n. 11, 13 e 15

Orario di ricevimento: dal lunedì al venerdì dalle ore 10.00 alle 12.00

Tel.0431898204/213 – fax 0431/898251

e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO

Cinzia Facchinetti

DOCUMENTI E MODULISTICA

MODULISTICA

SCIA variazione periodo apertura

DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE

*    autorizzazione originale da restituire in formato cartaceo.

*    idoneo documento atto a dimostrare la disponibilità dei locali.

*  (in caso di segnalazione presentata dal gestore) di avere l’assenso alla trasformazione da parte del proprietario/comodante.

*    copia del documento di identità dei sottoscrittori.

*   per i cittadini extracomunitari: copia permesso di soggiorno in corso di validità e/o copia della ricevuta attestante l’avvenuta presentazione della richiesta di rinnovo alla Questura.

Relativamente alla tutela dell’inquinamento acustico nel caso di utilizzo di impianti di diffusione sonora e/o svolgimento di manifestazioni ed eventi con diffusione di musica o utilizzo di strumenti musicali, ai sensi dell'art. 4, del D.P.R. 227/2011, si possono i seguenti casi:

*  l'attività non produce emissioni di rumore superiori ai limiti previsti dalla vigente normativa: il dchiarante si impegana a conservare presso la sede legale e presso i locali ove viene svolta l'attività opportuna documentazione di valutazione di impatto acustico, elaborata ai sensi della D.G.R. 2870 del 17 dicembre 2009, che lo attesti;

*  l'attività produce emissioni di rumore superiori ai limiti previsti dalla vigente normativa: il dichiarante si impegna ad inoltrare almeno 30 (trenta) giorni prima dell'inizio dell'attività richiesta di deroga ai limiti di rumorosità.

SICUREZZA ALIMENTARE la variazione del periodo di apertura è soggetta a comunicazione di impresa alimentare da inoltrare all'Azienda per l'Assistenza Sanitaria entro 30 (trenta) giorni.